Biblioteca Geo CAI Bassano
La battaglia alla Grotta del Ribelle di Zeret (Etiopia) nell'aprile 1939
Un episodio di guerra del Tenente Colonnello Gennaro Sora nel Corno d'Africa
PDF Stampa
Copertina del libro La battaglia alla Grotta del Ribelle di Zeret (Etiopia) nell'aprile 1939
Genere: Libri
Editore: CERSAIAC
Pagine: 122
Prezzo: € 10,00
Biblioteca: Biblioteca Geo CAI Bassano
Luogo di pubblicazione: Nerviano (MI)
Anno publicazione: 2011
Visite: 7046
Valutazione:  / 0
scarsoottimo 
Indice del contenuto
Scritto da Gian Paolo Rivolta
Speleologia è ricerca : solo inizialmente la si affronta come attività tecnico-sportiva, perchè presto essa richiede applicazione storico-scientifica, strettamente compenetrata con la prima, in modo da stimolare, in chi la pratica, un approccio al mondo sotterraneo che non è solo impresa esplorativa ed exploit sportivo, ma soprattutto studio e scienza.
La speleologia ha sempre un fattore in più che è la ricerca; il viaggio verso l'ignoto porta a studiare, conoscere ed inquadrare scientificamente il mondo sotterraneo con le sue molteplici incognite.
Lo speleologo è il vero esploratore del giorno d'oggi e diviene lo scienziato del mondo sotterraneo.
Non può e non deve stupire, allora, che lo speleologo si interessi ed affronti ogni tema scientifico, anche il più lontano dalla pratica sportiva, purché correlato e connesso con le grotte e quanto le contorna.
Chi si mettesse a contare i praticanti veramente attivi e costanti di questa affascinante disciplina, si accorgerebbe che essi sono meno numerosi delle loro pubblicazioni scientifiche e che queste occupano molti campi dello scibile.
Basta consultare la bibliografia specializzata per rendersene conto, anche se quasi tutti ignorano ciò, perchè lo speleologo produce materiale scientifico che spesso non è adatto ad una vasta divulgazione o alla narrativa.
Le grotte costituiscono un sistema straordinariamente stabile, che conserva nel tempo tutto ciò che in esse è raccolto, in quanto rappresentano un ambiente a bassissima energia ambientale, chimico-fìsica e biologica.
Le variazioni dell'ambiente esterno hanno scarsa influenza e quindi gli ipogei sono terreno di interesse per moltissime discipline di ricerca scientifica.
Non solo carsismo, geologia o idrologia e meteorologia ipogee, o chimismo di acque, ma anche archeologia, paleontologia, paletnologia, biologia, storia e quant'altro.
Le grotte "parlano" e si esprimono con un linguaggio che è arcano ed incomprensibile a tutti, tranne che agli speleologi sperimentati ed esperti, di lunga militanza, che hanno acquisito nel tempo un "vocabolario " ed una "grammatica " di base che consente ad essi di interpretarne il racconto.
Così, quando con la mia ultratrentennale esperienza di esplorazione e di ricerca, mi sono trovato inaspettatamente di fronte alla Grotta del Ribelle (Amategna Washa) a Zeret, ho potuto dedicarmi al suo studio con la stessa passione ed applicazione che avevo riservato a tutte le altre precedentemente scoperte e visitate.
Se si domanda a qualunque speleologo attivo ed appassionato cosa prova quando viene a trovarsi in un ambiente ipogeo chiuso e completamente nero e invisibile, egli risponderà immancabilmente di sentire il fascino dell'oscuro e di voler scoprire ciò che il buio nasconde ai suoi occhi.
  • PREFAZIONE - Pag.1
  • PRESENTAZIONE - Pag.3
  • NOTA INTRODUTTIVA - Pag.4
  • Capitolo 1 - ZERET, NELLO STATO FEDERALE ETIOPICO DI AMHARA - Pag.6
  • Capitolo 2 - L ETIOPIA CHIAMA, IL VIAGGIO E L ARRIVO A ZERET - Pag.11
  • Capitolo 3 - LA GROTTA DEL RIBELLE (AMATEGNA WASHA) DEVE IL SUO NOME AD UN BRIGANTE - Pag.19
  • Capitolo 4 - LA DISCESA ALLA GROTTA E L'ESPLORAZIONE - Pag.21
  • Capitolo 5 - CAPODANNO 2009 A ZERET - Pag.27
  • Capitolo 6 - SECONDA DISCESA ALLA GROTTA PER IL RILIEVO TOPOGRAFICO - Pag.29
  • Capitolo 7 - DESCRIZIONE DELLA GROTTA, FORTEZZA NATURALE DIFFICILE DA ESPUGNARE - Pag.33
  • Capitolo 8 - RITORNO AL VILLAGGIO ED INCONTRO-INTERVISTA CON UN TESTIMONE - Pag.37
  • Capitolo 9 - IL VIAGGIO VERSO L'EST ED IL MAGICO MONTE KUNDUDO PROCURA IL RITORNO A ZERET - Pag.39
  • Capitolo 10 - RITORNO IN ITALIA ED ORGANIZZAZIONE DEL SECONDO VIAGGIO IN ETIOPIA - Pag.44
  • Capitolo 11 - ACCOGLIENZA CONTRASTATA A ZERET: IMPEDITA LA DISCESA ALLA GROTTA - Pag.47
  • Capitolo 12 - IL LETTO DI MENELIK - Pag.51
  • Capitolo 13 - VIA LIBERA ALLA GROTTA, IL FILM E GLI ATTORI - Pag.54
  • Capitolo 14 - LA CHIESA COPTA DI SAN GIORGIO ED ALTRE TESTIMONIANZE DELLA BATTAGLIA - Pag.56
  • Capitolo 15 - 1939 : LA GUERRA ARRIVA A ZERET CON DUE AVANZATE DELLE TRUPPE ITALIANE - Pag.58
  • Capitolo 16 - LE TRUPPE DEL TENENTE COLONNELLO GENNARO SORA ASSEDIANO LA GROTTA. E' UNA BATTAGLIA CRUENTA E LUNGA - Pag.60
  • Capitolo 17 - L'IMPIEGO DELL'IPRITE, MA NON FUNZIONA - Pag.65
  • Capitolo 18 - LA BATTAGLIA PROSEGUE, MA POI ARRIVANO LA FUGA NOTTURNA DEL CAPO RIBELLE E LA RESA IMPROVVISA - Pag.69
  • Capitolo 19 - IL RILASCIO DI DONNE, BAMBINI E RAGAZZI E LA FUCILAZIONE DEI COMBATTENTI - Pag.79
  • Capitolo 20 - LE TESTIMONIANZE - Pag.81
  • Capitolo 21 - CHI ERANO GLI ASSEDIATI NELLA "AMATEGNA WASHA" - Pag.87
  • Capitolo 22 - LA GROTTA CONSERVA I REPERTI RISALENTI ALLA FREQUENTAZIONE DEL "RIBELLE" ED AGLI EVENTI DELL'APRILE 1939 - Pag.94
  • APPENDICE - CHI ERA GENNARO SORA E CHI E' GIAN PAOLO RIVOLTA - Pag.105
  • NOTE - Pag.114

Data inserimento: Domenica 06 Novembre 2011 12:22

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Biblioteca Geo CAI - Alcuni titoli